Tutorial: Trading con Punti Pivot

aggiornato: 24 Mar 2020

L'obiettivo di ogni trader è quello di aprire una posizione sul mercato che poi può essere liquidata in futuro ottenendo un profitto. Quindi l'obiettivo è riuscire a determinare con buona probabilità di successo le aree del grafico dove compratori e venditori si concentreranno in futuro. Ma come è possibile sapere quello che succederà in futuro? Ottima domanda. Basta imparare a usare i punti pivot!

La prima domanda è ovviamente: che cos'è un punto pivot? I punti pivot sono indicatori utilizzati dall'analisi tecnica, cioè strumenti di calcolo per determinare l'andamento generale del mercato su vari intervalli temporali. Un punto pivot di per sé è una media tra il massimo, il minimo e il prezzo di chiusura della sessione precedente di trading. Una volta stabilito un punto pivot, se il prezzo va sopra al punto pivot vuol dire un andamento rialzista, mentre se va sotto è un andamento ribassista.

Tutorial Trading con Punti Pivot

Il punto pivot è il cuore dell'indicatore, ma è possibile aggiungere dei supporti e delle resistenze che si basano sul punto pivot. Questi livelli di prezzo permettono al trader di vedere dove il prezzo è probabile che incontri un supporto o una resistenza. Se questi livelli vengono superati è chiaro che il prezzo si sta muovendo in una direzione ben definita.

So cosa stai pensando. Un sacco di parole, qual è il succo. I livelli stabiliti dai punti pivot sono dove gli algoritmi dei computer hanno comprato e venduto in passato. Al giorno d'oggi la maggior parte del trading sui mercati è automatizzato tramite algoritmi. Sia su intervalli infragiornalieri per il day trading sia su intervalli temporali più lunghi per il trading swing. Più lungo è l'intervallo temporale del punto pivot più è forte il punto.

C'è un detto in inglese che si traduce più o meno così: “la storia non si ripete ma ogni tanto fa rima”. Nel trading invece la storia si ripete e se come trader non impari ad analizzare la storia e la sua relazione coi prezzi allora non raggiungerai mai il pieno potenziale. Infatti il fondamento di molti principi alla base del trading assume dome dogma il ripetersi della storia. Ogni giornata di trading è unica ma ogni giornata di trading è una replica di una giornata passata. Può sembrare strano, ma si tratta di una verità universale accettata da tutti i trader di successo. Cambiano i giocatori, cambiano i nomi e gli strumenti, ma la psicologia umana è sempre la stessa. Ecco perché i punti pivot funzionano così bene.

Ora, chiariamo, i punti pivot non sono una bacchetta magica che garantisce il successo nel trading. Innanzitutto bisogna saperli usare in modo efficace. Ecco perché è così importante capire con che tipo di mercato si ha a che fare. Se si è di fronte a un trend rialzista, il mercato apre a un livello basso e chiude a uno più alto. Il prezzo dello strumento dovrebbe quindi crescere e, assumendo che il momentum sia sufficiente, passare da un livello pivot a un altro.

Tutorial Trading con Punti Pivot

Una volta che il prezzo supera il livello pivot intorno a 290 apriamo una posizione in acquisto. Fissiamo lo stop loss al di sotto della linea pivot. Normalmente quando il mercato sta seguendo un trend definito si mantengono le posizioni aperte tra pivot e pivot. Quindi una volta entrati sul mercato possiamo mettere uno stop loss mobile o mantenerlo fisso e chiudere la posizione manualmente ai primi segnali di inversione. Nell'operazione con riferimento all'immagine non incontriamo nessuna resistenza fino al livello pivot successivo intorno a 292,75 dove possiamo decidere se ridurre la nostra posizione e mantenere il resto. Così facendo, dopo qualche breve resistenza intorno al livello pivot, il prezzo riesce a crescere ancora poco prima della chiusura del mercato.

Se invece l'andamento è ribassista il prezzo di apertura è normalmente ai massimi della giornata mentre il prezzo di chiusura è ai minimi. Spesso un aumento di volumi può portare al proseguimento del trend nei giorni in cui è ben definito. Qui sotto vediamo un esempio di mercato ribassista. In apertura vediamo una crescita dei prezzi e poi un momento di difficoltà intorno alla linea pivot 292. Non appena il pullback fallisce, apriamo una posizione in vendita. Fissiamo lo stop loss al massimo raggiunto dal mercato nella sessione. Proseguiamo poi con il seguire l'andamento pivot per pivot. Possiamo decidere di ridurre la posizione intorno a quota 289, la seconda linea pivot in basso. Se così facciamo, fissiamo uno stop loss sopra quota 289. Il resto della posizione può essere liquidato quando incominciamo ad avvicinarci alla prossima pivot, prezzo 285, o essere mantenuto spostando sempre lo stop loss alla pivot successiva.

Trading con Punti Pivot Tutorial

Se il mercato fosse sempre in semplici trend rialzisti o ribassisti, le entrate e uscite sarebbero sempre chiarissime e facili. Ma spesso il mercato si muove lateralmente per un certo periodo di tempo, con domanda e offerta che si battono in tempo reale. Tale andamento viene spesso definito “mercato laterale”. In questo mercato il prezzo è spinto su e già da acquirenti e venditori, ma non riesce a rompere nessun livello pivot e a stabilire un chiaro andamento. Una specie di ping pong tra le parti. Mentre la pallina schizza avanti e indietro, i giocatori tentano di trovare la posizione migliore per rispedire la pallina dall'altra parte. Gli acquirenti si posizionano sui minimi dell'andamento laterale e tentano di spingere i prezzi a salire. Intanto i venditori si posizionano sui massimi dell'andamento laterale e tentano di spingere i prezzi a scendere.

Capita che sia difficile capire in quale intervallo si muovano i prezzi di mercato, ma in questo caso i punti pivot risultano estremamente utili (si veda l'immagine in basso). Vediamo un gap al ribasso in apertura sotto quota 3.007,50 $ che poi risale sopra il primo livello pivot. Il prezzo arriva fino intorno a quota 3.015 $ per poi riscendere a quota 3.009 $. I compratori hanno cercato di spingere i prezzi fino al secondo livello pivot, ma i venditori si sono opposti e hanno respinto i prezzi al livello pivot inferiore. Raggiunta di nuovo la pivot inferiore i compratori sono intervenuti di nuovo e questa volta sono riusciti a spingere i prezzi fin sopra la pivot superiore prima che questi riscendessero al di sotto trascinati dai venditori.

Trading con Punti Pivot Tutorial

Quindi: perché i punti pivot sono così importanti? Ci danno aree chiare in cui si concentreranno domanda e offerta sul grafico dei prezzi. Sono utilizzati dagli algoritmi per entrare e uscire dalle posizioni. Fanno da segnale anche ai trader privati per potenziali inversioni di mercato.

CONSIDERAZIONI FINALI

  • Trovare uno strumento che vari a sufficienza. Cioè trovare uno strumento la cui variazione media risulta in linea con la tua strategia. La variazione media è il cambiamento medio di prezzo di uno strumento nella giornata di trading.
  • Cosa fa muovere i prezzi? Si tratta di un punto molto importante su orizzonti temporali brevi. Alcuni trader preferiscono il trading swing dove le posizioni sono mantenute per più giorni, mentre altri preferiscono entrare e uscire dal mercato nella stessa sessione di mercato. I fattori che determinano i movimenti di prezzo dello strumento devono essere in linea con il tuo orizzonte temporale.
  • Qual è la tua strategia? Si tratta di un punto fondamentale per un trader che segue i trend di mercato (non fa trading in controtendenza), dato che i punti pivot sono usati per avere conferme sulle operazioni sia in entrata sia in uscita. Come mostrato nella prima e seconda figura. Se sei un trader che ama investire in controtendenza, forse è meglio usare altre tecniche. Gli indicatori di momentum sono ottimi per stimare le inversioni di prezzo su un determinato orizzonte temporale.
  • Individua i punti pivot sul grafico. Una volta individuati aspetta che il prezzo li raggiunga. Infine, quando li raggiunge, aspetta di vedere la reazione del mercato. Si tratta di un punto molto importante. Non prendere posizione solo perché un prezzo raggiunge un punto pivot. Aspetta di vedere come si comportano i prezzi e poi agisci in base a quello. L'esecuzione è la chiave di ogni strategia di trading. Nel mio caso, i punti pivot standard non erano sufficienti e ho creato i miei personalizzati che aumentano la precisione dei segnali del 40%, oltre a permettermi di salire indefinitamente se lo strumento supera il minimo o il massimo storico. Come ciliegina sulla torta, incorpora la lettura delle candele e altri indicatori da usare intorno ai punti pivot. Magari ne parleremo in un altro articolo.

CFDs are complex instruments and come with a high risk of losing money rapidly due to leverage . 68 % of retail investor accounts lose money when trading CFDs with this provider . You should consider whether you understand how CFDs work, and whether you can afford to take the high risk of losing your money .